• REGOLAMENTO DEL FORUM LATUAPELLE.IT

    1. Ogni utente è tenuto all’osservanza dei canoni di buona educazione e rispetto reciproco. Unico moderatore del Forum è il Dott. Luigi Laino – Medico chirurgo Specialista in Dermatologia e Venereologia. Iscr N° 50938 Ordine Provinciale dei Medici chirurghi ed Odontoiatri di Roma. Il moderatore non percepisce alcun finanziamento per la propria attività esercitata in modo volontaristico. Gli utenti ed il moderatore si impegnano ad agire con rispetto ed onestà, cercando di pubblicare messaggi che contengano informazioni corrette e veritiere. In caso di inosservanza dei citati canoni, l’utente verrà immediatamente bannato dal sito. In caso di inadempienze giudicate più gravi, sarà considerata ogni strada legale a tutela del Sito, degli utenti e del moderatore. Foro competente è quello di Roma.

    2. Ciascun Utente è pregato di non inserire in caso di richieste relative a farmaci, il nome commerciale ma quello del solo principio attivo. i messaggi pubblicati possono essere  letti, e di conseguenza, usati da chiunque; l’applicazione collaborativa non permette all’utente di cancellare o modificare i propri messaggi una volta inseriti.

    3. Nel Forum è vietata la pubblicazione e/o la presentazione e/o la comunicazione di ogni forma di messaggio a carattere commerciale.per ogni affermazione a carattere medico o sanitario che non provenga da una esperienza personale (casi o situazioni vissuti personalmente), deve essere riportato il riferimento che la giustifichi (link, bibliografia ecc.).

    4. Tutti i dati personali inviati per la registrazione saranno trattati a norma di Legge, secondo l’informativa ai sensi dell’art. 13, D.lgs n. 196/03. I dati personali comunicati con l’invio del presente modulo vengono acquisiti unicamente per l’erogazione dei servizi previsti nel sito e richiesti dall’utente. A tal fine i dati saranno raccolti, registrati e trattati anche in maniera automatizzata con le modalità strettamente necessarie al perseguimento dello scopo.

    5. Il responsabile e gli incaricati del trattamento potranno pertanto venire a conoscenza dei dati forniti. I dati non saranno diffusi né comunicati a terzi ed è possibile accedervi rivolgendosi al soggetto titolare del sito web, responsabile del trattamento, per verificarne l’utilizzo o per correggerli, aggiornarli, cancellarli od opporsi al loro trattamento ai sensi dell’art. 7 della citata legge.

    6. Ogni utente è pregato di non utilizzare questo servizio per la ricerca di una “Diagnosi on Line – Terapia on Line” la quale è vietata dalla Legge ed è comunque sempre improducibile in una sede telematica.

    7. Le informazioni rese in questo forum così come nel resto del sito www.latuapelle.it ed estensioni correlate, sono sempre orientative e mai determinano in alcun modo induzione alla visita presso un centro medico, uno studio medico, od un professionista medico in particolare:  si sconsiglia particolarmente all’utenza di richiedere consigli su dove poter effettuare una visita medica o un trattamento medico, sia pubblica che privata, ricordando che il servizio erogato da questo Forum è solo e soltanto orientativo e mai vincolante.

    8. I responsabili scientifici del forum e dei contenuti di questo sito, identificati nelle persone del Dott. Luigi Laino e della Dott.ssa Silvia Suetti,  si riservano, nell’osservanza di questo regolamento, di cancellare i messaggi ritenuti non pertinenti con il forum senza dover aggiungere spiegazioni per la mancata osservanza di detto regolamento.

    Inserisci un commento →
  • Inserito da Antonio il 30 settembre 2016, 12:40

    Salve dottor Laino,

    sono in cura da lei per una candida e due batteri risultati da tampone balano prepuziale.

    Essendo queste problematiche di origine intestinale, è utile secondo lei effettuare analisi tipo coprocultura?

    La ringrazio tanto

    Rispondi →
  • Inserito da Gianni il 28 agosto 2017, 15:07

    Egregio dott. Laino, mi rivolgo a Lei dopo aver scoperto e letto con molto interesse il suo sito di dermatologia, in quanto da anni soffro di un fastidiosissimo disturbo dermatologico nell’area ano-genitale.
    Sono un uomo di 40 anni e circa 5 anni fa ho incominciato a soffrire di un forte prurito anale, che non mi dava tregua e che peggiorava di notte. Non ho mai fatto uso né topico né interno di cortisonici, perché sono contrario, e sin dagli inizi ho cercato di curare o perlomeno alleviare il fastidio con metodi naturali. Ho usato creme a base di ossido di zinco nella speranza che l’irritazione di quella zona passasse, alcune volte il fastidio spariva e ho fatto alcuni periodi di apparente benessere, poi il tutto ritornava, a volte in forma meno acuta altre invece peggiorava. Altro sintomo era la secchezza della pelle circostante. Con gli anni purtroppo il problema è andato peggiorando e il disturbo ha iniziato gradatamente ad allargarsi, a cominciare dalla zona perineale fino a raggiungere la pelle dello scroto, prima della metà precisa dello scroto, poi anche dell’altra.. Anche lì intenso prurito che mi faceva grattare in continuazione, all’inizio la comparsa di piccole vesciche o pustole simili a punture di zanzara, da cui partiva il prurito. Man mano la pelle in quel punto ha cambiato completamente aspetto, con molta secchezza, ispessimento (aspetto a buccia d’arancia) e conseguente cambiamento di colore (più chiaro). In certi periodi poi, nei quali il prurito si calmava, la pelle incominciava a esfoliarsi similmente alla forfora o alla psoriasi, tanto da lasciare queste scaglie biancastre di pelle sugli slip. Ho cominciato anche a non indossare più indumenti intimi, in quanto i boxer mi procurano enorme fastidio dovuto allo sfregamento. In tutto quel tempo ho sempre usato creme naturali, senza petrolati, vaselina e altre sostanze sintetiche, per idratare la pelle della zona e facevo impacchi con acido borico per disinfettare, le ho provate di tutte: tea tree oil, creme a base di propoli, gel d’aloe vera contro il prurito fino ad arrivare all’olio de Neem. Tutti palliativi che mi davano solo temporaneo sollievo ma poi tutti i sintomi ricominciavano. Ho assunto anche integratori per il sistema immunitario, probiotici per curare una presunta disbiosi intestinale, prodotti omotossicologici per dermatiti, etc… Il quadro è nettamente peggiorato con i caldi di quest’estate, da giugno quando tutto è sfociato in un allargamento di questa dermatite fino al prepuzio, dove è comparso un nuovo sintomo: dapprima una chiazza di forma irregolare, rossa, secca e pruriginosa che cominciava ad esfoliarsi, poi comparivano numerosi puntini rossi sull’asta del pene fino ad un arrossamento notevole (simile all’eritema solare o scottatura) di tutta l’area genitale con rigonfiamento del prepuzio, soprattutto della parte terminale che circonda il glande, tanto da aver difficoltà a " tirarlo indietro". Inutile dire che non posso fare a meno di grattarmi, soprattutto di notte quando i sintomi peggiorano notevolmente,
    L’infiammazione si è estesa anche sul glande. Ho continuato a idratare anche con olio di mandorle dolci, aloe etc.. e questa infiammazione è spontaneamente regredita dopo alcuni giorni. Tutto ciò, ovviamente, mi ha portato anche all’impossibilità di rapporti sessuali, causa fastidio. In tutto questo tempo ho fatto solo una visita dermatologica, ma completamente insoddisfacente in quanto la diagnosi è stata semplicemente “dermatite”, senza specificare il tipo e ovviamente la terapia prevede creme a base di cortisone e alcuni detergenti specifici. Mi è stato detto che dipende dallo stress e che le cause sono emotive.
    Leggendo i suoi articoli, a me sembra si tratti di Lichen Simplex, ma non ne ho la certezza perché i sintomi assomigliano molto anche a tante altre patologie da Lei esaminate. Ho provato a utilizzare anche la crema S2, a base di zolfo, come ho potuto trovare in alcuni suoi suggerimenti, ma nemmeno quella sembra far regredire il quadro, a parte darmi temporaneo sollievo contro il prurito. Attualmente i sintomi sono arrivati fino all’area pubica e inguinale.
    Oltre al quadro clinico prima esposto, contemporaneamente si era anche sviluppata una sorta di dermatite all’interno dell’orecchio sinistro, con forte prurito, esfoliazione e produzione di una sostanza sierosa e maleodorante, di colore giallognolo. Aggiungo, inoltre, che da bambino ho avuto episodi di secchezza della pelle sui gomiti con esfoliazione e prurito, diagnosticata dal medico di base come “psoriasi”, ma i sintomi sono poi regrediti negli anni fino a ricomparire in questi ultimi mesi sul gomito sinistro, dove la pelle appare rugosa con squame biancastre.
    Io abito vicino a Milano, quindi per me sarebbe impegnativo dover raggiungere il suo studio, data la lontananza.
    Le chiedo cortesemente, che cosa può consigliarmi, che tipo di percorso, diagnosi, visita etc..
    Saprebbe indicarmi un Suo collega, che abbia la Sua stessa competenza e preparazione in questo ambito?
    Mi rendo conto che le diagnosi ed un approccio appropriato sono molto difficili.. vorrei perlomeno avere una diagnosi certa.
    Confido nella Sua Competenza e Professionalità e nell’attesa di un Suo Gentile riscontro, Porgo,
    Cordiali Saluti.

    Rispondi →
  • Inserito da erika il 8 settembre 2017, 10:45

    Buongiorno,
    Vi scrivo perché soffro di macchie al viso e acne ormonale. Ho visto che presso la Vostra struttura sono disponibili diversi tipi di laser per risolvere queste problematiche ma vorrei sapere se dopo il trattamento con il laser, a distanza di un pò di tempo ovviamente, è di nuovo possibile, con la dovuta protezione, esporsi al sole. Sia la mia farmacista che la mia estetista di fiducia mi hanno detto che con il laser è sì possibile eliminare le macchie, ma che con l’esposizione solare queste torneranno anche più scure di prima.
    Grazie per la cortese disponibilità.
    Cordiali saluti

    Rispondi →

Inserisci un commento

You must be logged in to post a comment.